Impianto CO2

Bloccato
Avatar utente

Topic author
Fabio Bassetto
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Livello 10
Livello 10
Messaggi: 1646
Iscritto il: 26 febbraio 2017, 15:55
Tipo di acquario: Dolce
Litri: 70 e 80 L
Biotopo: Aquascape
Numero di vasche: 2
Illuminazione: Neon 4x24w e 2 barre led 36w
Filtro: Jbl e701 e tetra ex800
Fondo, rocce e legni: 70l Dennerle scaper soil, rocce ardaro, ghiaia fine
80l Flourite, bardula top soil, rocce ardaro, radici branch wood, ghiaia ambra
Valori: Ph 6,5
Kh 2/4
Gh 5/6
No3 5/15
Po4 0,5/1
K 30
Fe 0,1/0,2
Fauna: Caridine red cherry, multidentata, cardinali, betta ct.
Flora: 70L: eriocaulon vietnam, eriocaulon parkeri, hemiantus monte carlo, eleocharis acicularis, micranthemum montecarlo, flame, xmass moss.

80L: proserpinaca palustris, rotala pink, rotala sunset, rotala wallichii, myriophyllum matogrossense, hygrophila pinnatifida, microsorum windelow, bolbitis heudelotii, anubias nana bonsai, eleocharis acicularis, micranthemum montecarlo, blyxa japonica, hydrocotyle tripartita, fissidens fontanus, xmass moss.
Gender:
Zodiac: Cancer
Età: 30
Italy

Impianto CO2

Messaggio da Fabio Bassetto » 16 marzo 2017, 9:50

Impianto CO2

L'impianto CO2 in un acquario con pesci è importante in quanto la CO2 che immettiamo andrà ad abbassare e tenere costante il ph al valore che desideriamo.
L'impianto di CO2 in un plantacquario non è importante, è fondamentale. Le piante per effettuare la fotosintesi, hanno bisogno di acqua (e fin qui non ci sono problemi) e CO2 in concentrazioni ottimali.

Attenzione che la CO2 non è un gioco, pertanto bisogna fare attenzione. Alte concentrazioni di CO2 provocate da sviste o rotture accidentali (rare ma possono accadere) possono provocare l'intossicazione e in alcuni casi la morte dei pesci.
Ricordo inoltre che prima di iniziare ad erogare la CO2, è sempre meglio valutare ed eventualmente sistemare il Kh dell'acqua. Vedi legame-ph-kh-co2-ed-effetto-tampone-t253.html#p2174

Ci sono vari metodi per fornire la CO2, dai metodi artigianali fai da te alle classiche bombole usa e getta e infine le ricaricabili.
Personalmente non sono mai stato un amante dei fai da te e ho acquistato fin da subito un impianto usa e getta per poi adattarlo alla bombola ricaricabile.

Componenti dell'impianto a bombola

L’impianto BASE per l’erogazione della CO2 è così costituito:
bombola - riduttore di pressione - valvola di non ritorno - contabolle - diffusore. Il tutto collegato da specifici tubi.
impianto co2.jpg
Nel dettaglio:
la bombola
il mercato offre sia bombole usa e getta sia bombole ricaricabili.
Le usa e getta standard da 500gr vanno benone in acquari fino a 100/120 litri. La durata ovviamente dipende dall'erogazione, ma per dare un'idea mediamente in un acquario da 30L può durare 1 anno mentre in uno da 120l circa 3/4 mesi...
Occhio alla filettatura bombola/riduttore che cambia da marca a marca. Tenete sempre una bombola di scorta.

Le ricaricabili si possono trovare di varie forme e capacità (1,2,4, 5 Kg). In rete se ne trovano anche di usate, verificate sempre che sia marchiata con la data di collaudo.
Io ho preferito non comprarla e ne ho presa una in comodato d'uso da un fornitore di bevande. La ricarica di 5kg mi costa 10/15€... e quando finisce non devo nemmeno attendere che me la ricarichino perchè me ne danno una già piena... troppo comodo!

il riduttore di pressione
altro componente importantissimo è il riduttore di pressione.
Anche qui direi che possiamo confermare la regola, più spendi, meno spandi... in questo caso, più costa, maggiore sarà la precisione e la costanza della regolazione di fino. Il prezzo ovviamente aumenta anche in base ai manometri installati. Questi ultimi non sono indispensabili, ma ti danno un'idea di quando sta per finire la bombola o se ci sono perdite tra bombola e riduttore.

la valvola di non ritorno
componente semplice ma utile per preservare l'integrità del riduttore di pressione/elettrovalvola.
Serve appunto per evitare che, ad impianto spento, l'acqua della vasca o del contabolle finisca nell’elettrovalvola o nel riduttore che di solito sono in basso rispetto all’acquario. Costo irrisorio quindi mettiamola sempre.

il contabolle
Oggetto utile per rendersi conto a colpo d'occhio di quanta co2 si sta erogando ed eventualmente aumentarne/diminuirne la quantità.
Ricordo che il numero di bolle NON corrisponde alla concentrazione di co2 disciolta in acqua che invece si ricava dalla tabella/tool incrociando il valore kh/ph.

il diffusore
elemento importantissimo ed essenziale dell'impianto. Ha il compito di micronizzare la CO2 in bolle piccolissime in quanto, più piccole sono le bolle, prima si disciolgono in acqua, prima abbiamo l'effetto desiderato evitando sprechi.
Va sistemato sotto alla mandata del filtro o dal lato opposto, l'importante è che le bolle vengano investite dal flusso d'acqua e che non vadano subito in superficie. In commercio esistono anche diffusori "inline", cioè da installare nella mandata del filtro esterno.

tubo
Necessario per collegare i vari componenti dell'impianto, ha un diametro di 5mm (4/6 int/est), possono essere di vari colori e sono più rigidi rispetto ai tubi utilizzati per gli aeratori. Questi ultimi infatti non sono stati progettati per resistere alle pressioni della CO2, per cui sono da evitare!

Io personalmente erogo co2 h24 in tutte le vasche.
Alcuni acquariofili invece ne limitano l'erogazione al solo fotoperiodo (o da qualche ora prima l'accensione delle luci), inserendo una elettrovalvola collegata ad un timer.
Oppure c'è la possibilità di collegare l'elettrovalvola ad un phmetro. Trattasi di una centralina che, tramite una sonda permanente in vasca, rileva e mantiene il ph al valore desiderato. E' ovviamente uno strumento importante ed utile, ma non proprio economico.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.

Bloccato

Torna a “Articoli accessori, vasche e fai da te.”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti