Automatizzare impianto osmosi

Acquisto e manutenzione di luci, filtri e quant'altro; di serie o fai da te.
Rispondi
Avatar utente

Topic author
BDragon
Utente
Utente
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 188
Iscritto il: 5 marzo 2017, 21:47
Tipo di acquario: Dolce
Litri: 200
Numero di vasche: 1
Illuminazione: Trocal T8 Special Plant + Amazon Day
Filtro: Askoll Pratiko 400
Fondo, rocce e legni: Fondo Scaper Soil
Carotaggi di rocce di diversa natura (serpentino, quarzo, graniti e rocce appenniniche)
Valori: NO3: 15
NO2: 0
GH: 8
KH: 3
Ph: 6,5
PO4: 1,5
Fe: 0,8
NH3: 0
NH4: 0
Fauna: 8x Hemigrammus Nanus
6x Corydoras Aeneus
7x Melanotaenia Splendida Australis
2x Ancistrus
Flora: 4x Anubias Nana marina
4x Anubias Barteri bar. barteri
5x Anubias Barteri bar. nana
3x Echinodorus Chrileni
1x Anubias Hastifolia
6x Limnophila Heterophylla
1x Vallisneria Spiralis
Animali: 5 gatti e 1 cane
Interessi e hobby: Pesca e pc
Occupazione: Operaio specializzato

Automatizzare impianto osmosi

Messaggio da BDragon » 20 marzo 2019, 13:57

Salve gente del forum di acquariodolce!
Questo piccolo tutorial nasce dalla mia necessità di automatizzare l'impianto per produzione di acqua osmotica in quanto spesso e volentieri mi dimenticavo di chiudere il rubinetto e al mio ritorno... DISASTRO!!! (Ho rischiato il linciaggio da parte di mia moglie fin troppe volte ndr). Come fare???
20190116_183701_01.jpg
Per il mio cambio di acqua della vasca mi servono circa 40 litri di acqua di Ro ergo 2 taniche semplicissime di plastica ad uso alimentare ma come fare in modo di stoppare il flusso dell'acqua quando sono piene??? E visto che si riempiono con tempi diversi anche sdoppiando il flusso come posso fare se una riempie prima dell'altra??? A queste domande la prima risposta che viene in mente è: GALLEGGIANTE!!! Si ma meccanici per taniche in commercio non ne ho trovati (meccanici nel senso che agiscono direttamente sulla chiusura del tubo o rubinetto). Mi informo a destra e sinistra, qui sul forum e il responso non giocava a mio favore, niente di già creato o ideato a disposizione... inizio a pensare ad una possibile soluzione e quando ho una bozza di progetto prendo il telefono e chiamo il mio fido compagno di merende Alessandro che vive in quel di Londra e mi risponde "esco da sotto la lavatrice, riordino le idee e mi faccio vivo".
Ottimo, già che mi ha risposto così vuol dire che la cosa si può fare! Inizio a cercare cosa serve per la realizzazione tralasciando la parte elettronica essendo il suo campo... butto nel carrello 2 galleggianti 12v, una presa elettrica, un interruttore, una cassetta della posta, 3 elettrovalvole sempre 12v, raccordi da 1/4 rapidi, cavi e aspetto... il giorno dopo mi chiama alle 7,30 del mattino e mi fa: "Quando mi dai questi input lo sai che dopo non Dormo più, ti odio ma anche per questo vorrei mi chiamassi più sovente per cose così! Ti mando gli schemi".
IMG-20190310-WA0003.jpg
Detto questo aggiungo nel carrello un pacchetto di relè, dei diodi, un trasformatore 12 v e delle basi per saldatura a stagno (e lo stagno altrimenti col cavolo che saldo) sotto sua indicazione.

Lo schema è comprensibile pure per un analfabeta elettronico come me e aspetto la spedizione del materiale come un bambino aspetta i regali a Natale!!!!!!

Finalmente arriva il tutto e inizio a studiare come disporre la roba all'interno della cassetta in modo da lavorare comodo e fare in modo di avere tutto ordinato e pulito (mi sento maniacale in queste cose)...
20190309_181420~01.jpg
Deciso dove metter i vari componenti li fisso alla cassetta con delle viti e mettendo del materiale isolante sotto la roba elettrica per evitare di prendere stecche se qualcosa dovesse scaricare a terra (sono 12v a bassissima corrente ma non fa piacere!!!).

E qui comincia il lavoro divertente e più tecnico!!

Avendo 2 taniche mi servono 2 relè sulla basetta. Lo scopo??? Adesso ci arriviamo
20190309_181430~01.jpg
L'impianto è strutturato in questo modo, elettrovalvola principale a monte dell'impianto forwater che regola il flusso generale e 2 elettrovalvole a valle che regolano l'apertura sulle taniche. Se una tanica è piena (rilevato tramite galleggiante) la relativa elettrovalvola viene chiusa. Quando entrambe sono piene si chiude anche l'elettrovalvola principale evitando di mandare in pressione l'impianto ad osmosi. Per fare in modo che le 2 elettrovalvole relative alle taniche lavorino separate dobbiamo installare dei diodi per bloccare i ritorni di corrente (riuscire ad avere 2 circuiti separati sullo stesso circuito, è un gioco di parole ma non so spiegarlo meglio).

I relè sono delle bobinette di rame che fino a quando sono percorse da corrente tengono aperto (o chiuso) un circuito quindi noi li usiamo per tenere aperte le elettrovalvole fino a quando il galleggiante (che non è altro che un interruttore automatizzato dal livello dell'acqua) lo richiede.

Il polo negativo del trasformatore lo colleghiamo al comune dei relè ed ai 2 galleggianti, dopodiché il galleggiante A al polo della bobina di uno dei relè e il galleggiante B allo stesso polo del secondo relè.
Il polo positivo dal trasformatore invece viene collegato alle 3 elettrovalvole e al secondo polo della bobinetta dei relè, Mentre il secondo connettore delle elettrovalvole deve essere differenziato. L'elettrovalvola comandata dal galleggiante A va collegata al polo controllato del relè A, la seconda elettrovalvola collegata dal galleggiante B al secondo relè. Il passaggio più complesso arriva adesso... da ciascuno di questi due poli che vanno alle relative elettrovalvole dobbiamo installare 1 diodo per parte in modo che si alimenti la 3 elettrovalvola (attenti che i diodi hanno un verso di installazione). Questo serve a tenere aperta la valvola generale fino a quando tutte e 2 le taniche non sono piene, se non installiamo i diodi le due elettrovalvole non lavorano in maniera separata (Ecco cosa intendevo con 2 circuiti separati ma uniti).

Ora non resta che il tappo delle taniche... su di esso dobbiamo installare la mandata dell'acqua, il galleggiante e... uno sfiato altrimenti la tanica va in pressione e non si riempie!!!!
20190309_181518~01.jpg
Detto ciò l'impiantino è finito e pronto per il test!!!
20190309_181347~01.jpg
Questo sistema è interessante perché con poche modifiche diventa modulare, ossia se ho solo 1 tanica lo semplifica ma aggiungendo elettrovalvole, relè e diodi posso aumentarne il numero di taniche da riempire.


Enjoy!!!!!
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
"Nella vita ci vanno tre grandi C!
tanto CORAGGIO per affrontare le situazioni,
metterci il CUORE in cosa facciamo...
ma senza tanto C... non hai speranze di riuscire in quel che fai!!!"


Avatar utente

Topic author
BDragon
Utente
Utente
Livello 4
Livello 4
Messaggi: 188
Iscritto il: 5 marzo 2017, 21:47
Tipo di acquario: Dolce
Litri: 200
Numero di vasche: 1
Illuminazione: Trocal T8 Special Plant + Amazon Day
Filtro: Askoll Pratiko 400
Fondo, rocce e legni: Fondo Scaper Soil
Carotaggi di rocce di diversa natura (serpentino, quarzo, graniti e rocce appenniniche)
Valori: NO3: 15
NO2: 0
GH: 8
KH: 3
Ph: 6,5
PO4: 1,5
Fe: 0,8
NH3: 0
NH4: 0
Fauna: 8x Hemigrammus Nanus
6x Corydoras Aeneus
7x Melanotaenia Splendida Australis
2x Ancistrus
Flora: 4x Anubias Nana marina
4x Anubias Barteri bar. barteri
5x Anubias Barteri bar. nana
3x Echinodorus Chrileni
1x Anubias Hastifolia
6x Limnophila Heterophylla
1x Vallisneria Spiralis
Animali: 5 gatti e 1 cane
Interessi e hobby: Pesca e pc
Occupazione: Operaio specializzato

Re: Automatizzare impianto osmosi

Messaggio da BDragon » 20 marzo 2019, 14:34

Elenco materiali necessari:
~una cassetta per contenere il tutto
~trasformatore
trafo.jpg
~elettrovalvole
elettrovalvole.jpg
~Diodi
~relè
rele.jpg
~basette per circuito
base.jpg
~galleggianti
galleggianti.jpg
~raccorderia varia da 1/4 o quello che serve a voi
~sfiato (Io ne ho usati di quelli da serbatoio delle moto ma basta anche solo un buchino)
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
"Nella vita ci vanno tre grandi C!
tanto CORAGGIO per affrontare le situazioni,
metterci il CUORE in cosa facciamo...
ma senza tanto C... non hai speranze di riuscire in quel che fai!!!"

Avatar utente

OttoVonBraun
Utente
Utente
Livello 5
Livello 5
Messaggi: 216
Iscritto il: 8 marzo 2017, 15:41
Tipo di acquario: Dolce
Litri: 142
Biotopo: Amazzonico
Numero di vasche: 1
Illuminazione: LED 6500k
Filtro: Askoll Pratiko 200
Fondo, rocce e legni: Ghiaia con rocce e leghi
Valori: Ph (controllato con regolatore) = 7.15-7.30
Kh = 5
GH = 13
NO2 = 0.05
NO3 = 30
SiO2 = 0.4
Fe = 0.05
O2 = 6-8
Fauna: 1 x Carassius Auratus
1 x Oranda
Flora: Elodea Densa
Vallisneria Tortifolia
Limnophyla Eterophylla

Re: Automatizzare impianto osmosi

Messaggio da OttoVonBraun » 20 marzo 2019, 21:40

Bellissima soluzione. Complimenti!

Maurizio



Rispondi

Torna a “Accessori, acquari e fai da te”